Eroica 15-18. Una Maratona storica, unica e irripetibile per il centenario della Grande Guerra

Siamo sempre, o almeno ci proviamo, alla ricerca di co(r)se diverse dal solito, per rompere la monotonia, per metterci alla prova, per provare nuove emozioni, nuove sensazioni, scoprire nuovi percorsi o per cercare di superare i nostri limiti, non solo mentali. Cerco, per quanto possibile, di scrivere sul blog di gare che si differenziano dalle classiche su strada, per location, percorso, paesaggio, motivazione, arte, medaglia o particolari condizioni da affrontare, come ostacoli o regolamento insolito. Corse che siano divertenti e originali, perché la corsa è anche e sopratutto divertimento.

Qualche domenica fa, andando a una tapasciata con delle amiche, ho scoperto l’esistenza dell’Eroica 15-18 Marathon, una Maratona che si svolge a Vittorio Veneto, in provincia di Trieste. Vittorio Veneto è la città in cui si è fatta la Storia. Il luogo in cui, il 3 novembre 1918, venne concluso l’armistizio che sancì la fine dell’Impero austro-ingarico in territorio italiano e la vittoria dell’Italia nella Grande Guerra del 1915-18. La Battaglia che ha reso Vittorio Veneto simbolo universale di Vittoria, Pace e Libertà.

L’EROICA 15-18 E LE TERRE DEL PROSECCO. Domenica 18 marzo 2018, alle ore 9, in Viale della Vittoria a Vittorio Veneto, per commemorare il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, si correrà l’Eroica 15-18 Marathon, una delle Maratone più belle d’Italia. Una Maratona che attraversa territori e paesaggi stupendi, con una lunga tradizione contadina, turistica, eno-gastronomica, paesaggistica e sopratutto storica. Trentotto Comuni, che fanno parte delle Terre del Prosecco- Comunità Europea dello Sport 2018, delle province di Treviso e Pordenone, due regioni e quasi 300mila abitanti coinvolti in questo progetto irripetibile.

In queste terre in cui si combattè la Battaglia finale, il 18 marzo 2018, oltre alla Maratona, con un tempo massimo di 7 ore per tagliare il traguardo, ci sarà anche la Maratonina della Vittoria (alla sua quinta edizione) e la Coop CityRun di 7 km. Tutto il programma, ricco di una serie di appuntamenti sportivi, lo trovate sul sito ufficiale.

QUESTA È STORIA. Un evento imperdibile, una gara senza precedenti. Una manifestazione che ha scatenato dentro di me pensieri che (speravo) assopiti. La Maratona non è la mia distanza, e mi sono ripromessa di non farne più. Ma questa. Questa è Storia. La Storia di casa nostra. La Storia d’Italia. L’Eroica 15-18 infatti ripercorre i percorsi che furono una via di approvvigionamento delle retrovie austriache con magazzini, ferrovie, ospedali militari, accampamenti.

Chi non ha avuto il nonno o il bisnonno a combattere questa Guerra?

CENTO ANNI DOPO. Una corsa per ripercorrere la Storia. Una medaglia al valore, anche in questo caso, per chi finirà la Maratona. E correre una Maratona non ci rende forse tutti Eroi?
Qua, nel territorio trevigiano e bellunese, dove si sono svolti gli ultimi atti di una Guerra durata tre anni, è il momento e il luogo giusto per rendere onore a chi la combattuta un secolo fa. E tiriamo fuori un pò di spirito patriottico, che tanto ci manca! Ogni strada, ogni casa, forse anche ogni albero porta con sè la Memoria di tragiche vicende, ma forse anche di amori, speranze, paure, parole e sogni senza i quali non saremmo certo qua, e forse parleremmo anche un’altra lingua. Cento anni dopo, a Vittorio Veneto si corre ancora per la Vittoria.

IL PERCORSO DI GARA. L’Eroica non sarà una Maratona facile, il percorso è collinare con un dislivello totale di 600mt. Un viaggio che percorre borgate, paesi, centri storici, vallate, i laghi di Revine, con saliscendi dolci, due salite importanti. Si costeggerà il fiume Soligo, stradine asfaltate ma anche tratti di sterrato, piste ciclabili, strade provinciali, borghi da attraversare, campagne da ammirare, scorci inaspettati. Intorno al 26km arriva il punto cruciale di questa Distanza Regina: inizia la Salita degli Eroi, non ripidissima ma impegnativa anche la strada già percorsa. Un dislivello di 100 mt in 1,5km. Una volta in cima si verrà totalmente ripagati dalla bellezza circostante, un panorama incantevole, a tutto tondo, sulle colline e le prealpi trevisane. Gli ultimi 10-12 km saranno finalmente più dolci, le salite sono finite e si comincia a scendere per tornare nella Piazza de Popolo e tagliare orgogliosamente il traguardo.

IL PERCORSO STORICO. Per quanto riguarda la parte storica è interessante sapere che attraversa un percorso tematico fondamentale per le vicende accadute cento anni fa. La città di Vittorio Veneto fu teatro della battaglia che mise fine al conflitto nell’ottobre 1918. Ceneda, Meschio e Serravalle sono le località in cui furono allestiti gli ospedali militari dopo la disfatta di Caporetto. La Loggia del Cenedese e molti dei palazzi e delle ville storiche, erano sede dell’alto comando della VI Armata austro-ungarica durante l’Occupazione del 1917. Si percorrerà il tracciato delle retrovie austro-ungariche seguendo la tratta ferroviaria che trasportava munizioni e materiali.

Tovena fu punto strategico di comunicazione tra le retrovie del Piave e quelle del Grappa: i Pionieri austriaci, in soli 100 giorni, costruirono una strada carrozzabile che si dipana su 5 tornanti sovrapposti in galleria, un capolavoro ingegneristico. Si costeggerà l’Aerocampo Flik 52 fino ad arrivare al castello dei Conti Brandolini d’Adda, che domina la Valsana. Castelbrando divvenne residenza degli ufficiali e ricovero dei feriti al fronte. A Valmareno furono accampati il 56° Fucilieri, la bellissima Abbazia di Santa Maria fu colpita da colpi di cannone che ne sfondarono il tetto e il lato orientale. Il refettorio fu distrutto per trarne legna. A Follina fu allestito, presso l’ex lanificio Andretta, l’ospedale militare austriaco  e si trova anche il Sacrario austro-ungarico dove riposano oltre 800 soldati provenienti da tutta Europa. Infine Piazza del Popolo dove si erge il Momumento ai Caduti, di August Murer.

YOU CAN BE HERO. Sono molto combattuta, ma è un’occasione davvero unica. Sono quasi totalmente decisa a partecipare all’Eroica, è una follia lo so bene.. CHI VUOLE VENIRE CON ME? Iniziamo gli allenamenti ti a gennaio, e andiamo senza pensare al tempo ma godendoci la gara, i posti, la Storia!
Per commemorare gli Eroi della Grande Guerra, per sentirci ancora una volta eroi, per poter dire io c’ero, per non dimenticare, per un evento che non si ripeterà mai più, per una medaglia imperdibile che verrà svelata a Natale.

E faccio mie le parole degli organizzatori: esserci perchè è un evento unico per la Storia, per l’arte e la cultura che vuole celebrare. Per guardare oltre la Vittoria e ritrovare il valore della Pace, per il coraggio di non stare fermi perché al ricostruire case, famiglie e città dei nostri nonni ora vogliamo ricostruire anche il nostro benessere, la nostra forza e recuperare la libertà che la corsa ci dà.

A Vittorio Veneto nel novembre 1918 si è fatta la Storia, quella vera. E a Vittorio Veneto, il 18 marzo 2018, cento anni dopo, si rifarà nuovamente la Storia, perchè siamo tutti Eroi!

PROGRAMMA MARATONA – Gara Uisp
Domenica 18 marzo 2018

PARTENZA ore 9 da Viale della Vittoria, Vittorio Veneto – Treviso
ARRIVO Piazza del Popolo, Vittorio Veneto
TEMPO massimo 7 ore
ISCRIZIONE 35 euro fino al 31/01/2018

–> Per partecipare non è necessaria la tessera Fidal ne la Runcard. La Maratona è aperta a tutti coloro in possesso del certificato medico per l’attività sportiva agonistica valido alla data del 18 marzo 2018

5a MARATONINA DELLA VITTORIA
Domenica 18 marzo 2018
PARTENZA ore 9.30 da Viale della Vittoria, Vittorio Veneto – Treviso
ARRIVO Piazza del Popolo, Vittorio Veneto
TEMPO massimo 3 ore
ISCRIZIONE 22 euro fino al 31/01/2018

Segui tutte le news sulla pagina ufficiale di facebook e sulla pagina dell’evento

#Eroica1518 #YouCanBeHero

 

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *